By A Web Design

Cerca

direttore Pierluigi Mantini

Il documento dei “saggi” sia il testo della Convenzione per le riforme

  

di Pieluigi Mantini

La conferma assai opportuna di Giorgio Napolitano al Quirinale ha riaperto il cammino delle riforme, il discorso programmatico di Enrico Letta sulla Convenzione è stato netto e chiaro, la nomina del ministro delle riforme nella persona di Gaetano Quagliariello è appropriata e beneaugurante.
I fatti, in rapida evoluzione, si incaricheranno di dare risposte nel breve periodo ma l'avvio è un po' confuso. Sono emersi tre nodi: la Convenzione, il rapporto con la legge elettorale, i contenuti dell'agenda delle riforme.

 

Del primo tema diremo in fine mentre sul secondo dovrebbe prevalere il buon senso: si corregga intanto "l'abuso maggioritario" del cd. porcellum e poi si potrà anche pensare ad una nuova legge elettorale coerente con la nuova forma di governo (modello Parigi, Berlino o Londra).
Ma è sui contenuti delle riforme che intendiamo soffermarci per sostenere la tesi che andrebbe ripresa tout court l'agenda dei "saggi" nominati, solo poche settimane fa, da Napolitano senza ricercare nuove elaborazioni. Quel documento è la sintesi precisa del cammino delle riforme, del suo approdo e anche dei nodi da sciogliere, ma in via politica, non tecnica.
Occorre piuttosto la traduzione normativa di quel documento, che il governo dovrebbe curare attraverso specifici disegni di legge da proporre alla Convenzione. Una strada nota, affidabile, più celere.
Le riforme istituzionali sono necessarie all'Italia e la bozza dei saggi nominati da Napolitano costituisce un punto imprescindibile di partenza.
Prima di approfondire i temi, una riflessione preliminare merita la storica rielezione di Giorgio Napolitano, per un secondo mandato al Quirinale che molti hanno interpretato come un'accelerazione verso il presidenzialismo. Dopo quello di Monti anche il governo Letta, in sostanza, sarebbe un "governo del presidente". Ma, occorre chiedersi, ciò è il segno di un presidenzialismo ineludibile o il buon risultato della tenuta del parlamento dinanzi alla crisi dei partiti e dei governi e del necessario ruolo "terzo" del Presidente della Repubblica, arbitro delle crisi politiche?

Articoli correlati

Il governo può fare un disegno migliore della mozionedi Pierluigi Mantini Con la discussione in Parlamento della mozione di indirizzo sulle riforme...
  La riforma dello strumento militare italiano, recentemente approvata in via definitiva dal Parlamento, può determinare un significativo...
 L'Aula di Montecitorio ha approvato in via definitiva il decreto legge per la crescita del Paese. Il commento del ministro dello Sviluppo economico,...
L'incerto destino del centrodestra Il centrodestra assomiglia sempre di più alla zattera della Medusa di Gericault. Alla deriva. I naufraghi s’ammazzano...
 Non ci si può appiattire sulla crisi. Il cardinale Angelo Scola a Londra, alla Camera dei Lords, parla della sua Fondazione Oasis,e del confronto...